🔒
Benvenuti a Praezi >Login Webshop
search languages menu
DEENnlFRplhuČeskyRU

Condizioni di acquisto

PRÄZI-FLACHSTAHL AG / PRÄZI-FÖRDERTECHNIK GmbH / PRECIZ s.r.o. / CONTAREX Agrotechnika Kft. / UNIEMETAAL B.V.

stato del 01.11.2009

condizioni di acquisto Download PDF

1. Offerte
Il fornitore deve attenersi esattamente alle condizioni della richiesta dell’ordine e rispettare categoria, quantità e caratteristiche. In caso di divergenze, è tenuto ad indicarli esplicitamente. I preventivi devono essere eseguiti in forma gratuita.

2. Conferimento dell’ordine
Gli ordini e gli accordi sono vincolanti solo se il modulo per le ordinazioni del committente è stato regolarmente firmato e se il fornitore ha confermato l’ordine entro un termine di 10 giorni. Qualsiasi modifica dell’ordine deve avvenire nella stessa forma. In caso di mancata conferma entro il termine stabilito il committente è libero di recedere dal contratto. Il conferimento dell’incarico a terzi non è consentito senza il consenso del committente. Cambiamenti del prodotto ovvero modifiche della produzione del fornitore che comportano dei cambiamenti delle specifiche, dei disegni o degli standard di qualità o che influiscono in qualsiasi modo sulla sicurezza di esercizio e sul funzionamento del prodotto del committente, sono validi solo con l’autorizzazione scritta del committente. In caso di conferma di consegna diversa, le condizioni di acquisto si applicano comunque, se il committente non si oppone. Eventuali cambiamenti sono legittimi solo se il fornitore li ha esplicitamente indicati per iscritto e se questi vengono espressamente riconosciuti per iscritto dal committente. Se il fornitore indica i cambiamenti in un separato documento, il committente ha il diritto di annullare l’ordine senza che possano essere rivendicate pretese nei suoi confronti.

3. Termine di consegna e di esecuzione della prestazione
La consegna avviene nei termini stabiliti dal committente e menzionati in ordini, singoli ordini di consegna o piani di consegna che, basati sulla produzione in serie, costituiscono parte integrante del contratto. I termini di consegna sono vincolanti anche se il fornitore non si oppone all’ordine di consegna del committente entro 7 giorni. In caso di consegna al di fuori dei tempi previsti ma priva di vizi il committente ha il diritto, a sua scelta, di richiedere una consegna (successiva) o una consegna (successiva) ed il risarcimento del danno per prestazione eseguita in ritardo oppure può stabilire un adeguato termine successivo e, una volta scaduto lo stesso, può richiedere il risarcimento del danno per inadempimento invece dell’adempimento o può recedere dal contratto. L’accettazione della consegna o della prestazione in ritardo non costituisce rinuncia ad ulteriori rivendicazioni dovute al ritardo. Anche se il fornitore non è responsabile del ritardo rispetto al termine di consegna, il committente può recedere dal contratto senza fissare un termine successivo qualora l’urgenza della consegna lo richieda a causa di proprie date di consegna stabilite con i propri committenti. Ritardi nelle consegne prevedibili devono essere comunicati al committente tempestivamente.

4 Condizioni e termini di pagamento
Il pagamento è dovuto entro 14 giorni dalla ricezione della fattura con il 3% di sconto finanziario o entro 90 giorni dalla ricezione della fattura senza sconto finanziario e può avvenire per bonifico bancario, assegno, vaglia cambiale o cambiale. Qualora la merce sia consegnata successivamente alla data di fatturazione il termine dello sconto finanziario si basa sulla data di ricezione della merce. In caso di consegna continuativa il committente ha diritto, anche se viene emessa una fattura separata per ogni singola consegna, di riepilogare gli importi da pagare rispettivamente alla fine di una settimana, senza invalidare regole esistenti e senza perdere il diritto alla detrazione dello sconto finanziario accordato. Anche in caso di pagamenti tramite vaglia cambiale o cambiale non viene meno il diritto del committente allo sconto finanziario. Reclami relativi alla consegna danno diritto al committente di sospendere pagamenti esigibili. Egli è inoltre autorizzato a compensare i crediti con consegne effettuate da parte sua. Non sono ammesse cessioni a terzi senza il consenso scritto del committente.

5. Trasporto, imballaggio, assicurazione e trapasso del rischio
Le consegne avvengono in franco stabilimento del committente, compreso imballaggio e trasporto, laddove non sussistano accordi scritti diversi. Il pericolo della spedizione è in ogni caso a carico del fornitore. Per tutte le clausole commerciali valgono gli Incoterms, versione 2000. In caso di “consegne franco stabilimento” il rischio passa al committente:

a) in caso di spedizione per posta, corriere o colli per trasporto ferroviario con consegna del materiale alla posta, alle ferrovie o allo spedizioniere.
b) in caso di spedizione per camion o carro merci ferroviario al momento della fine del carico regolare sul mezzo di trasporto.

La restituzione dell’imballaggio avviene soltanto se ciò è stato stabilito con accordi ed il valore dello stesso è stato indicato nell’avviso di spedizione.

6. Controllo alla ricezione e controllo della qualità
Il fornitore è tenuto a sottoporre i prodotti già al momento della consegna ad un controllo approfondito della qualità e della quantità. I certificati di prova, se richiesto nell’ordine, costituiscono parte integrante della consegna completa. In caso di ordini con un peso specifico ogni voce deve essere indicata separatamente. Senza inficiare eventuali obblighi di garanzia da parte del fornitore in conformità con il punto 9, è sufficiente che il committente esegua un controllo della merce in entrata a campione riguardo a numero di pezzi, dimensioni e pesi. L’accettazione avviene con riserva di verifica della correttezza e del funzionamento ed inoltre in conformità con i regolamenti di qualità del committente.

7. Garanzia
Per la merce consegnata viene presupposto il rispetto dei regolamenti stabiliti specifici del prodotti (DIN) in relazione a misure, qualità e simili. Il rispetto di tali specifiche è considerato espressamente garantito da parte del fornitore.

8. Denuncia dei vizi
Il committente deve denunciare vizi della consegna al fornitore in forma scritta non appena sono stati accertati, in conformità con un regolare svolgimento delle attività in base alle circostanze. Il fornitore rinuncia all’opposizione del ritardo nella denuncia dei vizi. Il pagamento dell’importo fatturato non implica il riconoscimento dell’assenza di vizi.

9. Garanzia
I diritti di legge derivanti da vizi spettano al committente senza limitazioni; in ogni caso il committente ha il diritto di richiedere al fornitore a sua scelta l’eliminazione del vizio o la consegna di un nuovo oggetto. Resta espressamente valido il diritto al risarcimento del danno, in particolare al risarcimento del danno invece della prestazione. Il committente è autorizzato ad eseguire personalmente l’eliminazione del danno a spese del fornitore se sussiste il pericolo di essere in ritardo o una particolare urgenza. Il termine di prescrizione è pari a 24 mesi calcolati a partire dal trapasso del pericolo. In caso di consegna sostitutiva o eliminazione del danno il termine di garanzia riparte da tale data. Il committente non rinuncia a rivendicazioni di garanzia tramite accettazione o approvazione di disegni presentati. Per il resto valgono le disposizioni di legge. Il fornitore si assume la responsabilità del rispetto dei regolamenti antinfortunistici e delle raccomandazioni in materia di sicurezza delle associazioni di categoria, dell’ispettorato del lavoro e di enti analoghi. Il fornitore è responsabile del fatto che gli oggetti consegnati o il loro utilizzo non violino diritti degni di tutela di terzi. Ciò non inficia ulteriori diritti di legge del committente. Se il committente viene chiamato in causa da parte di terzi per la violazione di un diritto degno di tutela il fornitore si impegna ad esonerare il committente a seguito della sua prima richiesta da tali rivendicazioni, comprese tutte le spese necessarie che sono insorte per il committente in relazione alla rivendicazione da parte di terzi e alla difesa dalla stessa. La prescrizione per tali diritti di esonero è pari a 3 anni, calcolati a partire dalla venuta a conoscenza da parte del committente della rivendicazione di terzi, al più tardi tuttavia 10 anni dalla consegna dell’oggetto.

Se il committente viene chiamato in causa da terzi a causa di un danno del prodotto di cui è responsabile il fornitore, il fornitore stesso deve esonerare il committente a seguito della sua prima richiesta da tutte le rivendicazioni di terzi, comprese le spese necessarie che sono insorte per il committente in relazione alla difesa da tali rivendicazioni, se il fornitore ha inserito la causa nel proprio ambito di potere ed organizzazione. Se il committente, a causa di un caso di danno conforme al paragrafo precedente, deve ritirare un prodotto dal mercato, il fornitore è obbligato a risarcire al committente tutte le spese sostenute in relazione al ritiro del prodotto dal mercato da lui eseguito. Ciò non inficia ulteriori diritti di legge del committente.

10. Obbligo di fornitura dei pezzi di ricambio
Il fornitore si impegna ad eseguire ordini dei pezzi soggetti ad usura ancora almeno per 10 anni ed ulteriori ordini di pezzi di ricambio ancora almeno per 7 anni dall’ultima consegna.

11. Mezzi di produzione / materiale predisposto dal committente
Mezzi di produzione come modelli, campioni, stampi, utensili, sagome, disegni e simili che sono messi a disposizione del fornitore dal committente o che sono realizzati dal fornitore in base alle sue specifiche ed a sue spese nonché materiale e sussidi messi a disposizione del fornitore a titolo gratuito per l’elaborazione e lavorazione nell’ambito di una commessa restano di proprietà del committente e non possono essere in nessun caso consegnati a terzi o lasciati a terzi per essere utilizzati o impiegati da terzi senza il suo consenso scritto. Lo stesso vale per gli oggetti prodotti con il sostegno dei mezzi di produzione summenzionati e anche per mezzi di produzione per i quali il committente ha sostenuto le spese soltanto in parte. Il fornitore è responsabile per perdite o danneggiamenti. Deve conservare il materiale per il committente con la diligenza di un buon commerciante ed è tenuto ad informarlo immediatamente se avviene o incombe un pignoramento o se il diritto è messo in qualunque modo a repentaglio. Laddove nei mezzi di produzione messi a disposizione ci siano differenze, ad es. tra campioni e disegni, il committente deve indicarle prima dell’inizio della produzione.

12. Riserva di proprietà
Il materiale consegnato dal committente resta in ogni caso di sua proprietà esclusiva ed illimitata, indipendentemente dalla portata dell’elaborazione dello stesso. Nel caso di una lavorazione il committente acquisisce la proprietà dei prodotti intermedi o finali, essendo quindi considerato il loro produttore ai sensi di § 950 comma 1 del Codice Civile tedesco. Il fornitore funge soltanto da custode. Ciò vale anche quando i nuovi prodotti hanno un valore superiore agli oggetti consegnati, tuttavia la merce lavorata funge da sicurezza del committente soltanto per l’ammontare del valore degli oggetti consegnati in riserva di proprietà.

13. Manodopera esterna
La manodopera di aziende esterne che opera sul terreno del committente deve rispettare i regolamenti aziendali vigenti. Il calcolo dell’orario di lavoro svolto viene riconosciuto sulla base di certificati di lavoro che devono essere firmati dall’incaricato presso il committente. Il fornitore è responsabile di eventuali incidenti nel proprio ambito di responsabilità.

14. Forza maggiore
Interruzioni del lavoro di qualunque tipo, astensioni dal lavoro o serrate ed altre cause o eventi che comportano una limitazione o un danneggiamento all’attività del committente lo autorizzano a rimandare l’adempimento degli obblighi di presa in consegna assunti o a recedere in parte o per intero dal contratto. Il fornitore non può dedurre da tali circostanze diritti al risarcimento del danno.

15. Riservatezza
Il fornitore è obbligato a considerare gli ordini ed i dettagli connessi ad essi come segreto industriale. Il fornitore non può sfruttare i rapporti commerciali a scopo pubblicitario o connesso alle pubbliche relazioni.

16. Protezione dei dati
Il committente è autorizzato ad elaborare i dati personali ricevuti nell’ambito del rapporto commerciale in conformità con la legge tedesca federale sulla protezione dei dati.

17. Luogo di adempimento e foro competente
Il luogo di adempimento è la rispettiva sede dello stabilimento in cui effettuare la consegna. Il foro competente per tutti gli stabilimenti è Everswinkel, conseguentemente la Pretura di Warendorf o il Tribunale di Münster. Il committente è tuttavia autorizzato a chiamare in causa anche i tribunali presso la sede del fornitore. Si esclude l’applicazione della Convenzione dell’Aia sul diritto di compravendita dello 01/07/1964 e le disposizioni della Convenzione delle Nazioni Unite dell’11/04/1980 sull’acquisto internazionale di merci. Vale il diritto della Repubblica Federale di Germania.

18. Inefficacia parziale
L’eventuale inefficacia di singole disposizioni precedenti non inficia l’efficacia delle restanti disposizioni e del contratto.

menu